12.9 C
Comune di Oria
giovedì 9 Dicembre 2021
Amazon i tuoi video
More

    Articoli Casuali

    Lamont Marcell Jacobs atleta

    Lamont Marcell Jacobs Atleta italiano

    DATA DI NASCITA Lunedì 26 settembre 1994
    LUOGO DI NASCITA El Paso, Stati Uniti
    ETÀ 26 anni

    Lamont Marcell Jacobs nasce a El Paso il giorno 26 settembre 1994. Atleta italiano di origini statunitensi è entrato nella storia dell’atletica leggera italiana e internazionale nel 2021, alle Olimpiadi di Tokyo, vincendo la medaglia d’oro nella gara simbolo di questo sport: i 100 metri piani – stabilendo anche il record europeo con 9”80.

    Le origini: padre americano e madre italiana
    La mamma di Marcell è Viviana Masini. Il padre è texano, un militare conosciuto da Viviana a Vicenza. Pochi giorni dopo la nascita del figlio, il padre viene stanziato in Corea del Sud. La mamma decide di non seguirlo e si trasferisce a Desenzano del Garda. Ciò accade quando Marcell Jacobs non ha neanche un mese di vita.

    L’atletica leggera
    Marcell Jacobs inizia a praticare l’atletica leggera all’età di dieci anni. In un primo momento si dedica alla velocità. Solo a partire dal 2011 prova a cimentarsi nel salto in lungo. Nel 2013 conquista la migliore prestazione italiana juniores nel salto in lungo indoor con 7,75 m, battendo di un centimetro la vecchia misura di Roberto Veglia, ottenuta molti anni prima, nel 1976.
    Due anni dopo, nel 2015, migliora il suo primato personale indoor con un salto di 8,03 metri durante le qualificazioni dei campionati italiani indoor. Jacobs fa registrare la quarta migliore prestazione italiana nel salto in lungo indoor, alla pari con Fabrizio Donato (2011). Vince il titolo italiano promesse nel salto in lungo con la misura di 7,84 m.

    Jacobs mette nel mirino le Olimpiadi di Rio del 2016. Deve purtroppo fermarsi per quasi un anno, nel 2015, a causa di un infortunio che gli procura una lesione al quadricipite femorale sinistro. E’ dopo questo evento che Marcell decide di concentrarsi maggiormente alla velocità. A settembre dello stesso anno passato sotto la guida dell’allenatore Paolo Camossi, ex campione mondiale indoor del salto triplo.

    La seconda metà degli anni 2010
    Nel 2016, ai campionati italiani promesse di Bressanone salta 8,48 m. E’ la migliore prestazione di sempre per un italiano. Tuttavia il risultato non può essere omologato come record nazionale a causa del vento a favore di 2,8 m/s (il limite da regolamento è 2,0 m/s). Ai campionati italiani juniores e promesse indoor (Ancona), nel febbraio 2017, ritocca il suo limite indoor con 8,07 m.

    Nel salto in lungo agli Europei indoor del 2017 giunge all’11º posto. Il 1º maggio 2018 corre in 10″15 i 100 m piani a Palmanova, migliorando il proprio record di 8 centesimi, e il 6 maggio successivo si migliora ulteriormente ai campionati societari di Campi Bisenzio, correndo in 10″12 e stabilendo il 5º tempo italiano di sempre.

    l 23 maggio 2018 corre al meeting di Savona: è molto atteso il confronto con il connazionale Filippo Tortu (primo italiano a correre i 100 metri sotto i 10”).In batteria Jacobs fa siglare il tempo di 10″04 ma purtroppo con vento oltre la norma (+3,0 m/s); in finale invece ferma il cronometro a 10″08, questa volta con vento regolare di +0,7 m/s, 4º tempo di sempre in Italia. Il 16 luglio 2019 durante il meeting Città di Padova migliora il proprio personale sui 100 m piani correndo in 10″03 (+1,7 m/s); stabilisce la terza prestazione italiana di sempre alle spalle di Tortu (9″99) e Mennea (10″01).

    Ai Mondiali di Doha di settembre dello stesso anno corre in 10″07 in batteria.

    L’anno d’oro 2021
    Il 6 marzo 2021 vince la medaglia d’oro nei 60 metri piani agli Europei indoor di Toruń con il tempo di 6″47, nuovo record italiano e miglior prestazione mondiale stagionale.Il 13 maggio 2021 corre al meeting di Savona, stabilendo in batteria il nuovo record italiano dei 100 metri piani con il tempo di 9″95. Diventa così il secondo italiano, dopo Filippo Tortu, ad infrangere la barriera dei 10 secondi.

    Ai Giochi olimpici di Tokyo, nella batteria dei 100 m piani, stabilisce il nuovo record italiano con il tempo di 9″94, primato raggiunto con +0,1 m/s di vento a favore. Nelle semifinali lo migliora ulteriormente correndo in 9″84, con +0.9 m/s di vento a favore, qualificandosi per la finale (primo italiano nella storia dei giochi olimpici) e stabilendo il nuovo record europeo. Realizza un sogno in finale. Fissa il cronometro a 9”80, come l’ultima vittoria olimpica della leggenda Usain Bolt: Marcell Jacobs è oro olimpico; e come si suole metaforizzare, è anche l’uomo più veloce del pianeta.

    Latest Posts

    Non perdere l'Articolo

    0FollowerSegui
    5FollowerSegui

    METEO ITALIA

    Comune di Oria
    cielo coperto
    12.9 ° C
    16.7 °
    8.5 °
    72 %
    7.1kmh
    95 %
    Gio
    12 °
    Ven
    12 °
    Sab
    10 °
    Dom
    10 °
    Lun
    11 °